Frase

Principiis obsta:

sero medicina paratur,

cum mala per longas

convaluere moras

---

Stai attento all'inizio,

la medicina arriva tardi

perchè i mali si radicano

per i lunghi indugi



Designed by:

Benvenuto nel sito della ass.ne Diabete Due Mari
PDF Stampa E-mail
Come tagliare correttamente le unghie dei piedi
non è scontato, non è da sottovalutare
ditapiede
 
1/9/14 - Se tagliate le unghie dei piedi troppo corte, specie ai lati dell’alluce, potreste andare incontro a unghie incarnite. Per evitare di danneggiare le unghie e le dita dei piedi, utilizzate le tecniche giuste per tagliare le unghie.
 
Come fare
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

ULTIMISSIME SUL DIABETE

 

(ANSA) - SYDNEY, 26 AGO  2014

- Scienziati neozelandesi hanno scoperto un singolo meccanismo molecolare che fa scattare entrambe le forme di diabete. Sia nel tipo 1 che nel tipo 2, minuscoli granuli dell'ormone amilina distruggono le cellule beta del pancreas che produce l'insulina. Si sospettava che il meccanismo fosse lo stesso, ma ora è dimostrato, spiega Garth Cooper della Scuola di Scienze Biologiche dell'Università di Auckland, responsabile dello studio, secondo cui la scoperta consentirà di formulare nuove classi di farmaci contro il diabete. "L'obiettivo è di trattare i pazienti di entrambe le forme della malattia arrestando la morte delle cellule che producono insulina, e potenzialmente stimolando la produzione di tali cellule", scrive Cooper sul Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology. Dei farmaci potenziali potrebbero essere sottoposti a sperimentazioni cliniche entro due anni, aggiunge. Nei pazienti di diabete i livelli di zucchero nel sangue aumentano, causando danni a organi come cuore, reni, occhi e nervi. Chi soffre di diabete tipo 1 a insorgenza giovanile, ha bisogno di insulina per sopravvivere. Il tipo 2, la forma più comune, è diventato un problema crescente di salute globale, con un numero di pazienti che secondo le proiezioni raggiugerà i 592 milioni entro il 2035. (ANSA)

 

 

 
PDF Stampa E-mail

L'insulina ha un effetto positivo sul cervello

Lunedì, 21 Luglio 2014.

cervelloL’insulina è l’ormone fondamentale per controllare il nostro metabolismo, in particolare quello del glucosio. E’ prodotta dal pancreas in risposta a quando mangiamo e permette di smaltire il glucosio facendolo entrare nei vari organi, soprattutto i muscoli, per permettergli di avere sufficiente energia per far muovere il nostro corpo. Si è sempre pensato che il cervello (il nostro organo principale) fosse capace di prendere il glucosio dal sangue anche senza l’insulina, purché ci sia abbastanza disponibilità. In questa serie di esperimenti i ricercatori hanno invece somministrato insulina per via nasale (in pratica l’hanno fatta “sniffare”) scoprendo con sorpresa che questa insulina non serviva ad aumentare il glucosio che entra nel cervello, ma di nuovo aiutava ad aumentare il glucosio che entra nei muscoli. L’aumento dell’insulina nel cervello, infatti, aveva attivato alcune aree cerebrali collegate per mezzo di nervi (sistema parasimpatico) ai muscoli che aumentavano la propria capacità di immagazzinare glucosio. Anche se la via maestra di somministrazione dell’insulina resta l’iniezione sottocute, non è detto che questa via non possa essere esplorata.

Fonte:  http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=25028522

 

 
PDF Stampa E-mail

Prevenzione, attenti ai segnali!

passa col mouse sulle bande rosse

 

 

 

 

 

 

 

 

 
<< Inizio < Prec. 91 92 93 94 95 96 97 98 Succ. > Fine >>

Pagina 91 di 98

Calendario

novembre 2018
lmmgvsd
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930 

Chi è online

 6 visitatori online

Link

Link consigliati:
CSV Catanzaro
il sito del Centro Supporto al Volontariato della provincia di Catanzaro
New Help
associazione di volontariato
Banner
Banner

Informazioni

sede operativa:

c/o Ambulatorio Diabetologia

ospedale Pugliese-Ciaccio

Catanzaro

Diabete Due Mari

sede legale: vico II Pepe, 9

Catanzaro

C.F. 97064600790