Frase

Principiis obsta:

sero medicina paratur,

cum mala per longas

convaluere moras

---

Stai attento all'inizio,

la medicina arriva tardi

perchè i mali si radicano

per i lunghi indugi



Designed by:

Benvenuto nel sito della ass.ne Diabete Due Mari
PDF Stampa E-mail
Pesticidi: aumentano rischio obesità e diabete, ecco perché

Prove epidemiologiche suggeriscono un legame tra l'esposizione ai pesticidi e lo sviluppo di malattie metaboliche. Ora, secondo un nuovo studio, l'effetto cocktail dovuto all'assunzione inevitabile di queste sostanze sarebbe responsabile dell'aumento di peso e favorirebbe lo sviluppo del diabete.

trattore-pesticidiPer valutare le conseguenze metaboliche dell'esposizione alimentare continua a una miscela di pesticidi assunti a dosi non tossiche è stato preso in esame il comportamento di un gruppo di topi per la durata di 52 settimane, ai quali sono stati sottoposti sei pesticidi in un quantitativo simile alla dose giornaliera tollerabile da una persona. Si tratta di boscalid, captan, chlorpyrifos, thiofanate, thiacloprid e ziram, comunemente usati ad esempio in Francia.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Per arginare diabete e obesità monitorare la qualità della vita nelle città

 
Si celebra oggi la prima «Giornata nazionale per il benessere nelle città» organizzata da Health City Institute e Cittadinanzattiva con il patrocinio di Ministero della Salute


mela-diabete2 luglio 2018 - La prevenzione è un concetto cruciale, tanto per il benessere dei cittadini che per la salute dei conti pubblici; quindi, è necessario aiutare le persone ad adottare quegli stili di vita sani che non ci stanchiamo di raccontare su questa pagine.

Movimento e alimentazione sana sono cruciali per abbassare il più possibile il rischio di sviluppare certe malattie. Tuttavia, di fronte all'inarrestabile e progressiva urbanizzazione (oggi oltre 3 miliardi di persone nel mondo vivono in città metropolitane e megalopoli; nel 2050, i due terzi degli esseri umani abiteranno in un contesto urbano), gli amministratori delle nostre città dovrebbero farsi carico di un bene comune, la salute dei cittadini, attraverso adeguate decisioni e misure. È questo il concetto di promozione della salute, che va oltre la prevenzione e garantisce le condizioni affinché questa si possa realizzare.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Diabete: più a rischio chi vive in alcune città, ecco quali.

 
3 luglio 2018 - La fotografia scattata dal terzo Health City Forum a Roma rivela che il diabete colpisce sempre più chi vive nelle città metropolitane, soprattutto del Sud Italia. Nello specifico, secondo le elaborazioni di Health City Institute su dati Istat, il 36% della popolazione colpita da diabete risiede nelle seguenti 14 città metropolitane: Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Bari, Catania, Firenze, Bologna, Venezia, Genova, Messina, Reggio Calabria e Cagliari.

diabete-e-citta

A Napoli ci sono quasi 209 mila persone con questa patologia, ovvero il 6,7% degli abitanti; a Roma, il 6,6% dei residenti nella città e nell'area metropolitana (oltre 286 mila persone), mentre nel Nord Italia il luogo in cui è più presente è Torino, con oltre 120 mila individui coinvolti, circa il 5,2% totale della popolazione residente.

Secondo quanto reso noto dagli esperti in occasione dell'evento, promosso dall'Italian barometer diabetes observatory (Ibdo) Foundation, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Health City Institute, Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane e I-Com:

Il diabete si sta rivelando la malattia più rilevante e potenzialmente pericolosa del nostro secolo per la crescita continua della sua prevalenza e per la mortalità e le complicanze invalidanti. In Italia, secondo l'Istat, le persone con diabete sono 3,27 milioni e il 52% risiede nelle 14 città metropolitane; studiare il legame fra diabete e città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia diventa sempre più importante.

http://www.greenstyle.it

 
PDF Stampa E-mail

Diabete: addio aghi, in futuro l'insulina sarà in pillole

La pasticca che cambierà la vita dei pazienti è stata messa a punto all'Università di Harvard. Ricercatori americani hanno scoperto il modo di somministrare l'ormone per via orale. Uno speciale rivestimento consente alla pasticca riesce a evitare l'aggressione dei succhi gastrici. Tra qualche anno i test sull'uomo.

pill 43 luglio 2018 - L'insulina in pillola potrebbe mandare in pensione le tradizionali punture. È la notizia che le persone con diabete di tipo 1 aspettavano da tempo. Ad annunciarla sono i ricercatori dell'Università di Harvard che hanno messo a punto la pasticca che promette di cambiare la vita di 40 milioni di persone nel mondo. I vantaggi del nuovo sistema di somministrazione dell'insulina sono facilmente intuibili: rinunciare agli aghi significa non solo migliorare la qualità dei vita dei pazienti ma anche garantire una maggiore aderenza alla terapia.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 8 di 96

Calendario

ottobre 2018
lmmgvsd
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031 

Chi è online

 12 visitatori online

Link

Link consigliati:
CSV Catanzaro
il sito del Centro Supporto al Volontariato della provincia di Catanzaro
New Help
associazione di volontariato
Banner
Banner

Informazioni

sede operativa:

c/o Ambulatorio Diabetologia

ospedale Pugliese-Ciaccio

Catanzaro

Diabete Due Mari

sede legale: vico II Pepe, 9

Catanzaro

C.F. 97064600790