Frase

Principiis obsta:

sero medicina paratur,

cum mala per longas

convaluere moras

---

Stai attento all'inizio,

la medicina arriva tardi

perchè i mali si radicano

per i lunghi indugi



Designed by:

Benvenuto nel sito della ass.ne Diabete Due Mari
PDF Stampa E-mail
Le persone con diabete decidono in media 50 volte al giorno come adattare la terapia alla routine quotidiana
 
12° Congresso Internazionale “Advanced Technologies & Treatments for Diabetes”
 
Le persone con diabete mediamente devono decidere 50 volte al giorno come adattare la loro terapia alla vita di tutti i giorni
 
stop-diabete-320/2/19 Una persona con diabete dedica circa 1 ora al giorno nel prendere decisioni in merito alla cura della propria malattia, gestendo il tutto quasi sempre da sola. Le nuove tecnologie possono offrire un valido supporto nel prendere decisioni più adeguate migliorando in questo modo l’outcome clinico.
Un sistema sempre più integrato per la gestione del diabete attraverso un ecosistema aperto, ovvero in grado di interagire con diversi strumenti, potrà dare una risposta efficace alle sfide delle persone con diabete, dei caregiver e dei sistemi sanitari contribuendo a fornire un’assistenza avanzata e sostenibile.
Prevenire o ritardare la progressione della malattia si basa su 3 elementi: rendere possibile la contestualizzazione e l’analisi di grandi quantità di dati rilevanti per la terapia; migliorare l’accesso e l’utilizzo di algoritmi avanzati in grado di supportare le decisioni terapeutiche; responsabilizzare le persone con diabete.
Studi clinici dimostrano che la gestione integrata e personalizzata del diabete, combinata con soluzioni digitali può migliorare significativamente i livelli di HbA1c (emoglobina glicata) e i parametri psicologici.
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Diabete: scoperto un legame tra il mal di testa e la glicemia alta
febbraio 20, 2019 - Gli informati
 
mal-di-testaUn sintomo molto comune e inaspettato potrebbe ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Si tratta del mal di testa: chi ne soffre frequentemente ha meno probabilità di soffrire di glicemia alta. 
 
Come è noto il diabete di tipo 2 è una delle patologie più diffuse che comporta una carenza nella produzione di insulina e un conseguente aumento del livello degli zuccheri nel sangue: la cosiddetta glicemia alta.
Secondo questo studio, l’emicrania è un fattore positivo rispetto al diabete: chi ne soffre rischia di meno. La ricerca, denominata l’Etude Epidémiologique Auprés des Femmes de la Mutuelle Générale de l’Education Nationale, ha coinvolto 1000 donne nate tra il 1925 e il 1950.
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Dalle alghe marine un aiuto contro il diabete
Di Marco Staffiero - 21 Febbraio 2019
 
Un grande aiuto di prevenzione viene dal mare. Il pre-diabete è una condizione spesso sottovalutata sulla quale è fondamentale riuscire ad intervenire il prima possibile.
 
ascophillumUno studio tutto italiano, pubblicato sulla rivista Phytotherapy Research, ha dimostrato il ruolo del preparato nutraceutico originato dalle alghe marine Ascophyllum Nodosum, Fucus Vesiculosus e cromo picolinato nel ridurre i livelli di glucosio e infiammatori nel sangue. La ricerca è stata condotta su 65 partecipanti da ricercatori dell’Università di Pavia e dell’Università di Bologna.
 
“Abbiamo analizzato persone non ancora colpite da diabete che presentavano però livelli alti di glicemia compresi tra i 100 e 125 mg/dl – afferma Giuseppe Derosa, Responsabile del Centro Universitario di Diabetologia, Malattie Metaboliche e Dislipidemie dell’Università di Pavia, presso il Policlinico San Matteo e primo autore dello studio – Spesso e volentieri in questa condizione il medico di medicina generale si limita a consigliare all’assistito un semplice cambio della dieta e un po’ di attività fisica. Sono due ottimi consigli ma, per evitare un peggioramento dello stato di salute, non sempre basta un semplice intervento sullo stile di vita. In aggiunta, si può usare il nutraceutico derivato dalle alghe marine”.
Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail
Ecco perché esercizio e movimento fanno bene ai malati
Il ruolo dell’attività fisica nelle malattie croniche nel report dell’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica di Parigi
 
esercizio-fisicoL’esercizio fisico andrebbe prescritto come un farmaco, tale la sua efficacia nel prevenire le malattie croniche ma anche nel migliorare la prognosi e la qualità di vita nel suo complesso. È questa la prima raccomandazione contenuta nel report che l’Istituto nazionale per la salute e la ricerca medica (Inserm) di Parigi ha redatto su richiesta del ministero dello sport per fare il punto sul ruolo dell’attività fisica nella prevenzione e nella cura delle malattie croniche non trasmissibili (quelle legate al fumo, al tabacco, all’alimentazione e alla sedentarietà).
 
È un’analisi della letteratura scientifica internazionale sull’argomento per rispondere ad alcune questioni come quale attività sia la più adatta alle varie condizioni, quale il reale impatto sul percorso di cura e quale sia il modo migliore per rendere il movimento un’abitudine regolare e duratura e aiutare le persone a non smettere di muoversi.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 109

Calendario

maggio 2019
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031 

Chi è online

 26 visitatori online

Link

Link consigliati:
CSV Catanzaro
il sito del Centro Supporto al Volontariato della provincia di Catanzaro
New Help
associazione di volontariato
Banner
Banner

Informazioni

sede operativa:

c/o Ambulatorio Diabetologia

ospedale Pugliese-Ciaccio

Catanzaro

Diabete Due Mari

sede legale: vico II Pepe, 9

Catanzaro

C.F. 97064600790