Frase

Principiis obsta:

sero medicina paratur,

cum mala per longas

convaluere moras

---

Stai attento all'inizio,

la medicina arriva tardi

perchè i mali si radicano

per i lunghi indugi



Designed by:

Benvenuto nel sito della ass.ne Diabete Due Mari
PDF Stampa E-mail

Fegato, il 25% degli italiani soffre di steatosi epatica

Per salvaguardare la salute del fegato gli esperti si sono riuniti a Roma in occasione del convegno 'Dopo l'HCV, le nuove emergenze per la salute del fegato', promosso da Gilead Sciences

fegato24/10/18 - tg24.sky.it - Il fegato grasso colpisce un adulto su quattro. Spesso la quasi inesistente sintomatologia determina evidenti difficoltà nella sua diagnosi. Il vero problema è che la steatosi epatica (NAFLD), termine tecnico per indicare la patologia, può evolvere in fibrosi e determinare lo sviluppo di cirrosi epatica. Per discutere di questa tematica e sviluppare delle terapie mediche che salvaguardino la salute dell'organo, il 24 ottobre, medici, pazienti e istituzioni si sono riuniti a Roma in occasione del convegno 'Dopo l'HCV, le nuove emergenze per la salute del fegato', promosso da Gilead Sciences.

La steatosi epatica
La steatosi epatica è la principale patologia che colpisce il fegato nel mondo occidentale; ne soffre il 25-30% degli adulti. L'accumulo di grasso nell'organo è determinato soprattutto dal sovrappeso. In Italia il 45% dei cittadini di età superiore ai 18 anni ha problematiche legate al peso. La NAFLD può peggiorare determinando lo sviluppo della steatoepatite non alcolica (NASH), l'infiammazione del fegato che interessa il 2-3% della popolazione. Quest'ultima potrebbe causare l'insorgenza di fibrosi, cirrosi e epatocarcinoma.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

Obesità, nuova super terapia sperimentale brucia grassi e riduce l'appetito: come funziona

obesita24/10/18 -Un team di ricerca internazionale ha fatto perdere il 12% del peso a topi obesi trattandoli con un nuovo super farmaco a duplice azione: imita l'effetto brucia-grassi del freddo e riduce l'appetito come la nicotina. Il composto ha anche migliorato il metabolismo dei roditori ed eliminato l'intolleranza al glucosio, una condizione che normalmente precede il diabete. Saranno necessari ulteriori test prima delle verifiche sull'uomo.

Creata in laboratorio una nuova super terapia contro l'obesità, basata sulla combinazione di due sostanze che mimano l'azione "brucia-grassi" del freddo e quella che ferma l'appetito della nicotina. A metterla a punto un team di ricerca internazionale guidato da studiosi dell'Istituto di ricerca sul diabete e la rigenerazione presso l'Helmholtz Zentrum di Monaco, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell'Università di Maastricht (Olanda), dell'Università Monash (Australia) e dell'Università di Copenaghen.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

I rischi di una vita sedentaria: maggiori di fumo e diabete
Essere in forma fa bene e questo lo sapevamo, ma forse abbiamo sottovalutato i benefici di un buon allenamento cardiorespiratorio. Lo studio Usa

sedentario24 ottobre 2018 - www.quotidiano.net - Sappiamo che fumare nuoce alla salute e che il diabete non è certo un toccasana. Un recente studio condotto negli Stati Uniti ha però evidenziato che una vita sedentaria rappresenta un rischio addirittura maggiore, per le persone, e che dunque è un elemento da prendere in seria considerazione se vogliamo ridurre la mortalità sul lungo periodo.

I RISCHI DELLA VITA SEDENTARIA
Gli studiosi hanno incrociato i dati relativi a 122.007 persone che si erano sottoposte, fra il 1991 e il 2014, a dei test fisici. Si trattava sostanzialmente di correre su un tapis roulant mentre i medici monitoravano il battito cardiaco e la salute cardiorespiratoria generale. Il risultato di questa ricerca, che ha tenuto in considerazione l'evoluzione della situazione clinica dei volontari, ha avuto un esito che, per certi versi, è sorprendente.

Leggi tutto...
 
PDF Stampa E-mail

Con menopausa precoce e diabete si rischia una vita più breve
All'interno della comunità medica è ben accettato che sia il diabete che la menopausa precoce possano essere associati ad una morte precoce: ecco i risultati di un nuovo studio a proposito
A cura di Beatrice Raso 24 ottobre 2018

menopausa1Nei romanzi di fantascienza gli scienziati riescono a prevedere la durata della vita delle persone. I ricercatori, tuttavia, hanno portato avanti la comprensione dei fattori di rischio che influenzano in maniera negativa i tassi di mortalità anche nella realtà. All'interno della comunità medica è ben accettato che sia il diabete che la menopausa precoce possano essere associati ad una morte precoce. Emergono sempre maggiori prove che dimostrano un'associazione tra età al momento dell'arrivo della menopausa e diabete, con alcuni studi che riportano almeno un rischio due volte maggiore di diabete di tipo 2 in caso di menopausa precoce. Tuttavia, finora non esistevano studi che avessero quantificato l'associazione tra menopausa precoce, diabete di tipo 2 e aspettativa di vita.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 98

Calendario

novembre 2018
lmmgvsd
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930 

Chi è online

 14 visitatori online

Link

Link consigliati:
CSV Catanzaro
il sito del Centro Supporto al Volontariato della provincia di Catanzaro
New Help
associazione di volontariato
Banner
Banner

Informazioni

sede operativa:

c/o Ambulatorio Diabetologia

ospedale Pugliese-Ciaccio

Catanzaro

Diabete Due Mari

sede legale: vico II Pepe, 9

Catanzaro

C.F. 97064600790